Scegliere il medico di famiglia

Scegliere il medico di famiglia

Per il cittadino la scelta del medico di famiglia avviene contemporaneamente all'Vai alla pagina (link interno)iscrizione al Servizio Sanitario Nazionale.

La scelta del medico è limitata a quelli che esercitano nello stesso ambito territoriale di residenza dell'Assistito. Ogni medico di famiglia è vincolato ad un numero massimo di assistiti a proprio carico (in genere, 1500), raggiunto il quale, il medico stesso non risulta più nell'elenco dei medici disponibili fino a quando non si liberino posti utili. In deroga al massimale del medico, possono effettuare la scelta dello stesso medico il figlio, il coniuge e il convivente dell'assistito, purché facciano parte del medesimo nucleo familiare, e purché le scelte in deroga dello stesso medico non superino il 5% dell'intero massimale.

Cosi come l'assistito può revocare la scelta, anche il medico può ricusare l'assistito, può cioè fare in modo che una determinata persona non figuri più nella lista dei propri assistiti. Ciò può avvenire però solamente in seguito a gravi motivazioni - fra le quali, soprattutto, il venir meno del rapporto di fiducia - che devono essere comunicate all'ASL. Qualora in un Comune sia operante un solo medico, la ricusazione è consentita solo in casi eccezionali da accertarsi da parte del Comitato aziendale per la Medicina Generale. L'assistito ricusato dovrà procedere alla scelta di altro medico.

Al momento della scelta del medico di fiducia l'Asl informa l'utente su alcuni importanti dettagli: ubicazione dello studio del medico, orario ambulatoriale con la precisazione dell'orario riservato agli appuntamenti, recapito telefonico del medico, modalità organizzative dell'attività, se in forma associata o individuale. Molte di queste informazioni, aggiornate in tempo reale sono reperibili su questo sito alla pagina Vai alla pagina (link interno)Cerca medici e pediatri.

La scelta del medico ha validità annuale e si rinnova tacitamente. Se viene meno il rapporto di fiducia è possibile cambiare medico tutte le volte che lo si ritiene necessario recandosi presso gli Vai alla pagina (link interno)uffici scelta revoca dell'Azienda Sanitaria. Qualora il nuovo medico lavori in associazione con quello che si vuole sostituire occorre compilare l'apposito modulo in cui il nuovo professionista accorda la disponibilità di presa in carico dell'assistito.

La scelta in deroga

Il cittadino che vuole iscriversi negli elenchi di un medico di medicina generale o di un pediatra che lavora in un ambito territoriale diverso da quello della sua residenza può presentare specifica domanda di scelta in deroga che sarà valutata da un apposito organismo aziendale.

Iscrizione temporanea (per motivi di salute, studio o lavoro) - Iscriversi con l'utilizzo del "domicilio sanitario"

E' possibile l'iscrizione temporanea (con durata non superiore ad 1 anno e rinnovabile) in una Asl diversa da quella di residenza qualora per motivi di salute, studio o lavoro il cittadino risieda in un territorio diverso da quello di residenza per un periodo superiore a tre mesi. In questo caso è necessario produrre la documentazione che attesti i requisiti necessari ad ottenere il domicilio sanitario (contratto di lavoro, certificazione di frequenza per corsi di studi, certificato per comprovati motivi di salute rilasciato dallo specialista Asl).