La "Pedalata" cresce

10/09/2018

La "Pedalata" cresce

In aumento le adesioni alla cicloturistica organizzata dagli Amici dell'ospedale di Savigliano, in collaborazione con l'Asl CN1

.

535 iscritti, 400 partecipanti di cui oltre 200 al percorso più impegnativo di 76 chilometri. E poi 280 accessi agli ambulatori di cardiologia e neurologia aperti in piazza Santarosa per l'occasione. Sono alcuni dati che attestano il successo della 5 edizione della "Pedalata del cuore", la cicloturistica non competitiva di domenica 9 settembre, organizzata dall'associazione Amici dell'ospedale di Savigliano in collaborazione con l'Asl CN1. Quest'anno hanno aderito e collaborato all'iniziativa anche l'Officina delle Idee di Saluzzo e l'Alstom. Baldassarre Doronzo è il direttore della struttura di Cardiologia del SS. Annunziata: "la novità di questa edizione è che, insieme ai cardiologi dell'ospedale di Savigliano, presenti in piazza per fornire informazioni ed effettuare visite in tema di prevenzione dell'infarto miocardico, c'erano anche i colleghi della struttura di Neurologia diretta dalla dottoressa Bongioanni per la prevenzione dell'ictus". Nei gazebo in piazza era presente anche il pediatra, per intercettare casi di dislipidemie gravi da sottoporre a trattamento precoce, nell'ambito di un'iniziativa intrapresa in collaborazione con la Città della Salute di Torino. Quasi tutti i bambini e i ragazzini partecipanti con le loro famiglie alla pedalata sono stati accompagnati dallo specialista per la verifica. Chiude Doronzo: "Siamo soddisfatti del risultato, ma la pedalata è stata soltanto l'evento mediatico che aprirà una stagione ricca di appuntamenti sul territorio." Sono infatti previsti corsi di istruzione di BLSD presso l'Alstom e incontri con la popolazione, cominciando da Savigliano, Monasterolo, Saluzzo sul tema della prevenzione dell'ictus e dell'infarto del miocardio. L'obiettivo è di incontrare un migliaio di persone, continuando un percorso avviato tempo fa con l'obiettivo di informare i cittadini del territorio su malattie gravi e invalidanti, sensibilizzando tutti ad adottare un migliore stile di vita. All'iniziativa di domenica ha preso parte il direttore generale dell'Asl CN1, Salvatore Brugaletta: "Sono rimasto favorevolmente colpito dall'esito di un'iniziativa che ritengo lodevole, per le sinergie messe in campo e per il coinvolgimento importante dei cittadini. Sono grato a tutti: agli Amici dell'ospedale di Savigliano che da qualche anno si occupano del gravoso compito dell'organizzazione di un'iniziativa nata su impulso della Cardiologia del Santissima Annunziata, i cui medici collaborano per coniugare sport e divertimento con una corretta informazione sulla prevenzione dell'infarto miocardico. La partecipazione della Neurologia, da quest'anno, è un valore aggiunto, perché aiuta a comprendere l'importanza di adottare stili di vita che possono prevenire una malattia invalidante quale è l'ictus". "L'adesione dell'Officina delle Idee di Saluzzo all'evento - aggiunge il manager - credo testimoni che il processo di collaborazione tra le due città, entrambe sede di quello che possiamo definire un ospedale unico, continua inarrestabile, a conferma di un percorso che si è dimostrato fruttuoso. Ringrazio anche i sindaci di Savigliano e Saluzzo, Giulio Ambroggio e Mauro Calderoni e quanti hanno offerto contributi e la propria opera, per la riuscita di un evento in continua crescita".